La pedodonzia o odontoiatria pediatrica si occupa dell’odontoiatria rivolta ai bambini.

La pedodonzia è rivolta a prevenire l’insorgenza di lesioni cariose dei denti da latte e ad intercettare eventuali malocclusioni.

I denti dei bambini (denti decidui o denti da latte) cominciano a formarsi prima della nascita. Gli incisivi centrali inferiori, seguiti presto dagli incisivi centrali superiori, sono i primi denti da latte ad erompere in arcata intorno ai 6 mesi. I restanti denti decidui (20 in tutto) compaiono di solito entro i 3 anni. I denti permanenti iniziano a comparire intorno ai 6 anni, a partire dai primi molari e dagli incisivi inferiori. Il processo di eruzione continua fino a circa 21 anni.Molti bambini iniziano a perdere i denti da latte intorno ai 5 o 6 anni (gli incisivi) e continuano a perdere i denti da latte fino all’età di 12 o 13 anni quando tutti i denti permanenti erompono in arcata ad eccezione del dente del giudizio.

La cura dei denti da latte è molto importante poiché questi dentini svolgono diversi ruoli fondamentali :

  • mantengono lo spazio e guidano l’eruzione dei denti permanenti;
  • infiammazioni dei denti da latte possono causare macchie ed anomalie dello smalto nei denti permanenti
  • consentono una corretta funzione masticatoria e fonetica
  • guidano la crescita scheletrica

Nota per i genitori: qualora si perdesse un dente deciduo in seguito a carie o trauma è necessario l’inserimento di un mantenitore di spazio onde evitare l’insorgenza di malocclusioni causate dallo spostamento dei denti da latte residui (vedi di sotto)

Prima visita dal dentista e consigli per l’igiene orale

Dalla nascita a 6 mesi si raccomanda di pulire la bocca del bambino gentilmente con una garza dopo i pasti e prima di andare a letto. Inoltre, si cerca di regolarizzare il più possibile le abitudini alimentari. Dai 6 ai 12 mesi Si raccomanda di spazzolare i denti del bambino con uno spazzolino piccolo e con setole morbide senza dentifricio (solo acqua) per rimuovere la placca dentaria (un film sottile e appiccicoso di batteri responsabile della carie); lo spazzolamento deve avvenire dopo ogni pasto e prima di andare a letto. In questo periodo i bambini iniziano a camminare, pertanto bisogna vigilare onde evitare potenziali traumi dentali e/o facciali. Dai 18 mesi in poi, appena il bambino è capace di sciacquarsi la bocca, si può iniziare ad utilizzare lo spazzolino in associazione con una quantità minima di pasta dentifricia contenete fluoro.

E’ buona norma evitare di dare il biberon al bambino prima che si addormenti poiché la sostanza contenuta nel biberon (latte, succo di frutta etc) si depositerà sui denti aumentando il rischio di carie. Si ricordi che durante il sonno il flusso salivare si riduce e la detersione naturale dei denti viene meno; ne consegue che gli acidi prodotti dai batteri possono più facilmente intaccare lo smalto.

L’applicazione topica di fluoro o la sua assunzione per via orale durante lo sviluppo del dente aiuta a prevenire la carie, rinforza la struttura dello smalto e riduce gli effetti dannosi della placca. Inoltre, il fluoro promuove un processo di rimineralizzazione del dente contribuendo alla riparazione di lesioni cariose iniziali non ancora visibili. E’ fondamentale che l’odontoiatria personalizzi l’assunzione di fluoro (pastiglie, gocce) sia durante la gravidanza sia nei primi anni del bambino in base all’assunzione sistemica di fluoro. Il bilanciamento del fluoro è importante onde evitare il rischio di macchie o difetti dello smalto dei denti permanenti da sovradosaggio di fluoro.